Storia della zona

È difficile immaginare che il Valdarno superiore (la valle del fiume Arno) fosse un tempo un lago, ma è quello che era, un lago grande e paludoso, fino a quando fu presumibilmente prosciugato dai romani in un luogo a pochi chilometri da l’ovest che porta il nome descrittivo Incisa. La zona è ricca di fossili di dinosauri, mammut e altri animali e piante, come attesterà una visita al Museo Paleontologico, recentemente rinnovato, a Montevarchi.

Montegonzi

Montegonzi è un piccolo villaggio nel comune (comune) di Cavriglia in provincia di Arezzo ed è situato su uno sperone orientale delle colline del Chianti, nell’alta valle dell’Arno. La parte “Gonzi” del nome deriva da un cognome di origine longobarda o franca. Sebbene occupi una posizione strategica su una delle vecchie strade che attraversano le colline del Chianti, il paese non è molto vecchio per gli standard locali (ci sono rovine romane ed etrusche nella zona), risalente all’XI secolo d.C. quando fornì una fortificazione avamposto al confine tra i territori di Firenze e Siena.

Oggi il paese è ancora dominato dal piccolo castello che fu costruito per difendere la strada ed è rimasto notevolmente incontaminato. Questa zona è stata dichiarata una zona di particolare bellezza e interesse per il turismo, e molte delle fattorie della zona offrono quello che viene chiamato agriturismo, una frase generale che copre tutti i tipi di vacanze rurali. La popolazione permanente in inverno è inferiore a 200, ma questo numero quadruplica durante l’estate quando gli ex residenti e le loro famiglie tornano per le loro vacanze. La maggior parte dei residenti lavora nelle città della valle (Montevarchi e San Giovanni) o a Firenze o Arezzo.
In passato Montegonzi era noto per il suo vino bianco ottenuto dall’uva malvasia. Purtroppo, pochissimi agricoltori locali coltivano questa varietà, preferendo seguire la tradizione toscana e concentrarsi sulla produzione di vino rosso. Al contrario, l’olivicoltura non ha mai vacillato e le colline sono punteggiate di chiazze, grandi e piccole, di oliveti. La zona ha goduto di un’alta reputazione nel corso dei secoli per la qualità dell’olio extra vergine prodotto dalle sue olive, e questo olio è ancora apprezzato oggi.

Flora e fauna

Può essere una sorpresa scoprire che la Toscana è la regione italiana con la più grande copertura forestale e la nostra fattoria è letteralmente circondata da boschi. La maggior parte del terreno è in pendenza o ripida collina coperta di querce, castagni e pseudoacacia (arbinia robusta) nota come locusta nera, tipica della regione. In tempi precedenti (ma non così distanti) questi boschi avrebbero fornito molte delle necessità di base della vita di campagna remota, oltre a fornire spazio di foraggiamento per i maiali che hanno contribuito a liberare il sottobosco.

Ora i boschi ospitano molte varietà di mammiferi (cinghiali, volpi, tassi, istrici, faine, caprioli, cervi, persino alcuni lupi) e uccelli e funghi.

Come in altre parti d’Europa, il cinghiale è diventato una specie di parassita. Mangiano uva e altri tipi di frutta e noci e non esitano a sbattere contro l’albero per rimuovere il frutto. Scavare e correre su e giù per le sponde del terrazzo provoca molta erosione e possono essere piuttosto aggressivi quando difendono i loro piccoli.

I caprioli sebbene aggraziati e delicati sono anche considerati un parassita dai proprietari delle vigne in quanto mangiano i giovani germogli sulle viti. Possono anche arrecare danni agli alberi, soprattutto ai più giovani, ma sono un piacere osservarli. Mi stupisce sempre pensare che non abbiamo visto cervi da queste parti fino a circa 15 anni fa, ma a quanto pare i cervi in generale sono in aumento in Europa.

Ci sono almeno due piccole popolazioni di cervi rossi nei nostri boschi, migranti dalla zona del Chianti. Troviamo le loro grandi impronte di zoccoli e i loro segni nell’oliveto, e occasionalmente vediamo uno di questi maestosi animali al mattino presto o alla sera.

Negli ultimi 20 anni il numero di lupi nell’area è in aumento e sono gli unici grandi predatori naturali in quest’area. Raramente li vediamo ma sappiamo che sono in giro dalle carcasse di caprioli che troviamo nei campi ..

 

L’olio

La  fattoria

La zona

Olio e Altro